Una novella per grandi e piccini, possibilmente prima di coricarsi dopo essersi addormentati

Quando Hitler è salito al potere, odiava tutti. ma proprio tutti! odiava il farmacista, odiava l’insegnante, odiava il carpentiere, odiava l’orefice… odiava proprio tutti! Così lì per lì, volendo approfittare del potere che ora deteneva, aveva deciso di eliminare tutti dalla Germania. Però poi aveva capito che senza farmacista non poteva curarsi, che senza insegnante non poteva istruirsi, e via così… però non doveva per forza tenere TUTTE le persone appartenemti a tutte le categorie.

Così aveva stilato una lista nella quale aveva cercato di scremare i suoi odi per concentrarsi solo sulle persone/cianfrusaglie che davvero detestava. In cima alla lista vi erano gli Ebrei, seguiti da Slavi, Rossi, e annessa prole.

“Ma come liberarsi di cotanta monnezza?” si era chiesto. già, come? nella notte aveva avuto l’illuminzaione. si era ricordato di Shoa, la sua vicina grassona che lo terrorizzava quando era piccino. In realtà questa Shoa doveva possedere molte case ed essere la vicina di bambini di mezzo mondo, perché era in realtà una prassi, quando i bimbi non volevano andare a letto, dire “se non ti sbrighi, viene la Shoa e ti mangia in un sol boccone!”

Da questo “tenero” ricordo infantile Hitler ha avuto l’idea di dire “se voi ebrei, stranieri e cianfrusaglie varie, non vi spicciate a levarvi dai maroni, arriva la Shoa e vi fa sparire tutti!!!”

Ma nessun Ebreo, Slavo, hadicappato, comunista gli credeva, perché anche a loro la mamma, quando erano piccoli e non volevano andare a letto, diceva che ‘sta tizia sarebbe arrivata a mangiarseli ma non era mai arrivata; così se ne sono fregati e sono rimasti lì, tranquilli nelle loro case. In effetti Shoa sembrava prendersela con comodo, infatti di lei non vi era traccia.
Hitler e la sua ciurma di pirati decisero quindi di arrangiarsi, di spedire questi inutili pesi lontani dalla civilità, in modo che non potessero infettare la “popolazione ariana per bene” con i loro modi ed atteggiamenti diseducativi.

… Ad un certo punto però, senza preavviso, Shoa è arrivata eccome! E aveva super fame!!!

(non sono minchiate…)

Aveva una gran fame. Ma tutte le persone/cianfrusaglie che erano destinate a lei erano già confinate nei campi di concentramento! Che fare? se non si sbrigavano a saziarla, avrebbe mangiato quei poveri cristi degli ariani! Hitler e i suoi drughi non potevano permetterlo.

Così, per cominciare, le diedero in primis tutti i bambini belli grassottelli che erano rimasti svegli nei campi di concentramento anziché andare a dormire. Poi, esaurita la carne tenera, erano rimaste le altre persone/cianfrusaglie, ma a lei non piacevano, perché ormai era come mangiare carne vecchia… allora le diedero in pasto il cibo che serviva x le persone, e così le persone diventarono sempre più magre, e cominciarono a morire, mentre invece la Shoa diventava sempre più grossa… Hitler naturalmente cantava vittoria!

Ma si sa, i buoni vincono sempre, anche se purtroppo di solito arrivano sul podio malridotti o morenti. e anche in questa storia, sebbene con numerose perdite, il bene vince!

Come?

Beh, dato che questa storia è (solo in parte) molto poco veritiera, e forse ha anche suscitato istinti omicidi verso la sua scrittrice, è giunto il momento del degno finale:

A forza di ingozzarsi, Shoa diventò talmente grossa e grassa che un giorno scoppiò morì e finì tutto questo casino. e questa storia. grazie al cielo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...