Back to the future

Uno dei miei zii aveva una videoteca che ai miei occhi di bambina sembrava immensa. Tra i molti film di cui disponeva, ce n’erano alcuni off-limits. Sono una ragazza che ha visto “Il principe cerca moglie” per la prima volta di nascosto a 12 anni circa, e che “Indipendence Day” deve ancora vederlo.  Tra i film che però potevamo vedere c’erano dei veri must, come “Una piramide di paura”, “Poliziotto superpiù” (e tutto il filone Terenci Hill e Bud Spencer), e l’unico, inimitabile “Ritorno al futuro”.

Prediligevo il terzo film della saga, non so come mai, ma a distanza di anni credo che il primo sia di gran lunga il mio preferito. Lo sapevate che quando Zemeckis ha girato il primo film, non intendeva fare dei sequel e creare una trilogia? Ma il film riscosse talmente tanto successo che, a distanza di 4 anni, decisero di fare il secondo film (considerato perlopiù di transizione per poter creare un background al seguente) e un anno dopo uscì il terzo.

Lo sapevate che Michael J.Fox dovette re-imparare ad andare sullo skateboard e rispolverare gli accordi di chitarra?

Lo sapevate che io non posso guardare questi film (specie il primo) in compagnia? Lo recito a memoria anche se mi sforzi di non farlo e chiunque io abbia accanto mi manda a quel paese e se ne va. Ma io non mollo!

Lo sapevate che secondo me il più figo di tutta la saga è Biff? Non perché è il cattivo, ma perché l’attore è riuscito ad interpretare più ruoli diversi, mantenendo comunque i tratti caratteristici del personaggio di base, ma ogni volta con sfumature nuove adatte al contesto e all’epoca storica della vicenda – ebbravo Tom Wilson!

Quindi, beccatevi questo supervideo dove l’ex Biff scherza sulle troppe domande che i fan gli fanno.

http://www.youtube.com/watch?v=iwY5o2fsG7Y&feature=player

1, 2 o 3? qual è il vostro preferito?

 

Annunci

9 pensieri su “Back to the future

  1. Quando rivedo la trilogia di ritorno al futuro non riesco a guardarla senza riflettere su M.J. Fox, che già girando il secondo aveva problemi legati al Parkinson. Ormai è uscito da tempo ma per chi non l’avesse letto il suo libro “Lucky man” è un esempio di grandissima ironia e coraggio. Bellissimi tutti e tre ma io adoro i primi due.

  2. Assolutamente il 2! Per me quel film è geniale e rivoluzionario!
    Ah, a proposito… non so perché ma wordpress mi mandava ad un altro indirizzo quando provavo a cliccare il tuo nome… solo ora mi sono accorto che non era quello! 🙂
    Sono 4 mesi che ti cerco! 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...