The chewed on pencil

Immaginate una cena molto particolare.

Al tavolo, davanti a bretzel, sake ed escargot, siedono le mani artistiche più fascinosamente visionarie della nostra generazione – ma non solo. Immaginate che Schiele, Miyazaki e Chomet, mangiando e bevendo in armonia, decidano di unirsi per un progetto nuovo, fresco, inaspettato.

Immaginate ora di imbattervi sul web su quello che potrebbe tranquillamente essere il progetto in questione, ma che l’autore non sia un’alleanza artistica di fama mondiale, ma Emiliano, un ragazzo no-strano.

E’ quello che è successo a me quando mi hanno suggerito il link al suo “The chewed on pencil“: una vera sorpresa.

In pochi semplici tratti, che ad un miope potrebbero sembrare meri scarabocchi, Emiliano riesce ad esprimere emozioni, sensazioni, stati d’animo. Con uno stile che, pur restando ancorato alla sfera fumettistica, se ne discosta diametralmente per la cura minuziosa dei dettagli e la scelta dei colori – quando dati.

I soggetti sono i più disparati, troviamo un pirata (che a me ricorda il gringo messicano dei film western), un venditore di palloncini, fantasiosi autoritratti e ancora, animali in ogni loro forma.

La semplificazione delle forme, la riduzione al minimo dei dettagli fondamentali della fisionomia, è il punto di forza dei disegni di Emiliano. Lascia alle piccole cose il compito di spiegare la storie dei personaggi, il loro vissuto, il loro stato d’animo.

Un esempio per tutti, il disegno “The swimmer and the tank” – che mi è piaciuto particolarmente e mi ha al contempo divertita e rattristata. In quel vecchio (marinaio?) vedo la voglia di tentare ancora, anche quando fisicamente non ce la fa più, ma al contempo di lasciare spazio agli esseri più piccoli e giovani di lui. Una specie di anziano politico benevolo che fa il suo dovere ma con un po’ pizzico di amarezza. Questa ovviamente è la mia chiave di lettura, quello che in me ha suscitato.

Un blog pulito e ben strutturato, che vi consiglio di ispezionare e amare.

Possibilmente, con una matita tra i denti!

Annunci

7 pensieri su “The chewed on pencil

  1. Quello che hai scritto e’ veramente invitante, hai dato un tratto molto umano e sensibile dell’artista. brava ghost tomato che ti piace il ragu’.
    Chissà se ci saranno altri artisti che ti chiederanno una recensione così appassionata
    delle loro opere?
    Buona fortuna a te, a Emiliano e a tutti coloro che apprezzano l’arte per quello che veramente è: espressione dell’anima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...