Un post romantico

Ama e ridi se amor risponde, piangi forte se non ti sente
dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior…

“Tu avresti bisogno di una persona colta, socialmente integrata e possibilmente di grandi aspirazioni. Qualcuno che possa darti tutto ciò di cui hai bisogno” mi aveva detto una volta mia madre. Si riferiva ad una mia possibile anima gemella, che lei immaginava di bell’aspetto, di buona famiglia, di discrete finanze e di carriera importante. Non me lo diceva per discriminare i ragazzi che mi piacevano, ma perché il suo cuore di mamma desiderava solo il meglio per la sua bambina che stava crescendo.

Tempo dopo, ma molto dopo, potei finalmente risponderle.

“Mamma, che cosa me ne faccio di un plurilaureato, pieno di amici esclusivi, con un lavoro importante che gli occuperebbe molto tempo, ma che in compenso potrebbe permettersi di comprarmi qualsiasi cosa, se poi non posso avere accanto un compagno con cui sparare di cavolate e ridere, confrontarmi, affrontare la quotidianità e le difficoltà?”

E lo penso davvero. Naturalmente, se il letame – per chiamarlo come De Andrè lo definì – non viene curato non farà mai germogliare nulla, e naturalmente se sul terreno si sparge solo il letame senza prima seminare, il discorso si complica ulteriormente.

In quest’ultimo periodo vedo attorno a me tante coppie che si uniscono, alcune si fidanzano, altre si sposano, altre iniziano ad allargarsi, e tutto ciò mi fa sorridere: non eravamo in crisi? Sì, siamo in crisi, ma per fortuna la gente ancora si ricorda che l’unione fa la forza, che in due i problemi si risolvono meglio che stando da soli, che l’amore, la serenità, o più in generale la felicità condivisa è una resistente imbragatura per scalare una roccia senza il rischio di cadere.

Ormai sono poche le persone che conosco che hanno deciso di rimanere da sole, quasi tutte hanno quantomeno adottato un pesce rosso al quale fare le smorfie facendo schioccare le labbra in un PAH PAH sordo appena rientrati in casa.

La disperazione, la depressione, la delusione e la frustrazione per la situazione economica la si lascia fuori dall’uscio di casa, per lei non c’è chiave di scorta sotto lo zerbino, non c’è una tazza di tè caldo per riscaldarsi dai primi freddi, per lei non ci sono sorrisi, abbracci o carezze. Lei non è parte della nostra vita, tutto ciò che rende infelici non ci appartiene.

Anche se rientrare in casa col sorriso non è sempre facile, mi basta un abbraccio umano per stare meglio ma, se non è possibile averlo, posso sempre contare sulle codine pelose dei miei quattrozampe che mi salutano gioiosi con le orecchie spiaccicate all’indietro e gli occhioni sbarrati mentre mi lavano la faccia con le loro lingue umidicce per ricordarmi che Marilyn si sbagliava, non è vero che i diamanti sono i migliori amici di una ragazza: è il letame, il mio bellissimo verissimo sincerissimo letame.

Annunci

6 pensieri su “Un post romantico

  1. che bel post!!!!!! sono assolutamente d’accordo con te……la semplicità dei piccoli gesti è quella che da più calore e affetto, buona giornata! 🙂

  2. W quello che tu chiami letame e i piccoli amici a quattro zampe. Nella vita contano molte cose ma il sorriso e il buon umore sono tra le più importanti. Il malumore è contagioso e i soldi non lo curano. Buona giornata 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...