20 minuti

Venti minuti, VENTI MINUTI ACCIPICCHIA! Questo è il ritardo minimo dei bus che ultimamente devo prendere io.

Ma dico, scherziamo? €1,20 per arrivare in ritardo in ognidove già ghiacciati e stanchi dallo stare in piedi le mezz’ore alla pensilina? Non tengo parole. Solo tanto freddo!!!

Però stasera quando sono tornata a casa, prima di fiondarmi a letto e prima ancora di aver cenato, mi sono sentita soddisfatta del mio breve articolo su Pete Souza che è stato approvato e pubblicato sul web.

Ghosty feliz!

Annunci

18 pensieri su “20 minuti

    • quando devo dare gli esami li prendo eccome… e quanto mi arrabbio! Cerco sempre di prendere un treno che mi faccia arrivare a destinazione almeno 2 ore prima, tanto poi dovrò comunque correre perché ha accumulato ritardo…

  1. Brava ! per l’articolo,i 20 minuti invece di arrabbiarti,;guardati intorno, fà una foto…insomma cose cosi.altrimenti rischi un travaso di bile …. 😉 e il bus pian piano …piano arriverà! 😀
    Buona giornata
    P.s. il cagnolone che fà tanta pipì non è che è diabetico? 😦

  2. venti minuti all’andata più venti al ritorno, fanno quaranta minuti di vita sprecati ogni giorno, buttati via dalla demenza gestionale di molti sevizi pubblici.
    Stiamo vanificando l’allungarsi della vita media, dovremmo tornare a vivere in una capanna con adiacente orto, una capra per il latte e una gallina come “Rosita” con la quale disquisire di fisica quantistica e massimi sistemi, vabbè… più o meno :mrgreen:

    TADS

    • mi trovi pienamente d’accordo! per un tragitto che in auto mi avrebbe impiegato 15 minuti, per essere “ecologica e risparmiatrice” ho buttato via un’ora! Durante la quale ho aspettato al freddo il bus che, una volta arrivato, aveva tutti i finestrini spalancati e dunque stavamo freschi XD

  3. Congratulazioni per l’articolo, scritto molto bene! 🙂
    Riguardo agli autobus… dico solo che quelli, i treni e le poste italiane sono le cose che rimpiango MENO (e alcuni tra i motivi che mi hanno spinto ad espatriare). Tra l’altro ho fatto avanti e indietro in treno per anni, ai tempi dell’Uni – che tu sia dannata, Trenitalia!
    Mi dispiace, solidarietà! -_-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...