Gatti gatti e ancora GATTI!!!

La mia casa non sarebbe la stessa senza le mie adorate zampette pelose… Frida e Jed si sono abituati tutto sommato in fretta a Dorotea, la gattina che l’Orso Domestico ha portato a casa prima che morisse di stenti.

Non ero affatto convinta che due cani adulti, di cui uno un border collie, potessero accettare un felino, francamente temevo che l’istinto predatorio della Border avrebbe avuto la meglio su questa piccola creatura indifesa e rincoglionita – diciamola tutta, a volta Dorotea non brilla certo di intelletto… sarà per questo che si trova tanto bene con Jed? ehehe…

Pensavo che la mia avventura felina si concludesse lì, con due cani e un gatto – e un umano/orso – e invece no. Non che io voglia adottarne altri, ora come ora non ho né lo spazio, né il tempo, né i soldi per prendere in casa una nuova creatura, ma voglio sfruttare questo mio spazio wordpressiano per aiutare Elena, una mia cara amica, che in pochi giorni si è ritrovata la casa invasa da piccole creature feline abbandonate.

Non riesco ancora a capacitarmi della totale mancanza di buon senso della gente: abbandonare una mammagatta che ha appena partorito i suoi cuccioli… ma come si fa? Davvero non capisco. Elena non vuole portare questi piccoli trovatelli al canile/gattile, non se la sente, spera di trovare lei stessa qualcuno che ami gli animali e che voglia prendersene cura.

Tutti i seguenti mici si trovano a Verona.

Pronti con le presentazioni? Cominciamo!

CANDIDATA N.1 : Mamma Primavera e i suoi 4 scugnizzi

cuccioli gatto

Questa bella miciona, tenerosa morbidosa fffffruosa e docilosa ha due peculiarità che non possono non catturare l’attenzione: una macchia a forma di cuore sulla schiena e la totale assenza della coda! So che potrebbe sembrare un deterrente per l’estetica, ma vedo che tanti si prendono il Pastore Australiano senza coda, la fanno tagliare a Dobbermann/Boxer/Weimeraner… non dovrebbe essere un grosso problema, no?

cuore gatto

I cucciolini saranno pronti tra meno di un mese, quando saranno già tutti svezzati, spulciati e vaccinati, e a quel punto anche Mamma Primavera potrà essere affidata!

CANDIDATA N.2 : Kitty Cat la gattina color cipria

gattina cipria

Questa meravigliosa cucciola di 4 mesi è stata trovata da dei bambini che prima di consegnarla ad Elena ci hanno giocato e se la sono spupazzata! Lei si è divertita, dimostrando di essere una gran tenerona, docile e fiduciosa.

Ha delle bellissime macchie color cipria che le danno un’aria molto elegante e da signorina… come non innamorarsene??

gatto cipria

gatto cipria

Anche Kitty verrà ceduta dopo essere stata controllata dal veterinario, sverminata, spulciata e antiparassitata!

 

Spero di essere riuscita ad aiutare la mia amica e a dare un po’ di visibilità a queste creaturine… e soprattutto spero che ad Elena non capitino più sotto casa scatoloni chiusi con lo scotch contenenti mamme e cuccioli!!!

CHE MONDO RAGAZZI!

 

 

Annunci

Meraviglie matematiche

Circa un anno fa mi sono dedicata alla creazione di un piccolo mobile per il bagno destinato ad ospitare le bottiglie di detersivo e simili. Per realizzarlo ho utilizzato un cassetto che ho tappezzato di ritagli di giornale. E’ molto divertente, perché ogni volta che mi siedo sul wc non posso fare a meno di osservare ogni ritaglio e ogni volta trovo dettagli nuovi.

Immagine

Il pezzo delcollage che più mi affascina è quello proprio dietro il flacone di candeggina profumata, che non ho più utilizzato da quando mi ha fatto diventare rossi dei cuscini che erano blu.

Immagine

A forza di avere sott’occhio questo disegno, mi sono decisa a fare una ricerca per approfondire le sue origini e utilizzi. E così è nato il pezzo che è stato pubblicato il 10 gennaio sul blog di Maurizio Marcato (www.mauriziomarcato.com) e che ora propongo a voi!

La strabiliante favola di Alice prende vita dalla penna dello scrittore inglese Lewis Carroll, ovvero dal reverendo nonché matematico Charles Lutwidge Dodgson.

Nata come una favola in quattro capitoli inventata durante una gita in barca e poi trasformatasi in una leggendaria opera letteraria, Alice’s Adventures in Wonderland (questo il titolo originale) è in realtà un sublime ed intricato gioco di logica,  fatto di vari giochi diparole ed enigmi matematici che lasciano trasparire la vera passione dello scrittore per numeri e formule celati da filastrocche e canzoncine.

Non è quindi un caso che l’opera di Carroll abbia attirato non solo l’attenzione di giovani lettori maanche quella di matematici come il suo contemporaneo Sam Loyd, statunitense scacchista e creatore di enigmi. Egli è infatti l’autore del celebre disegno che raffigura il palindromo inserito da Carroll nella favola, ovvero la frase che Alice esclama quando incontra il gatto dello Cheshire (a noi italiani meglio noto come Stregatto): “Was it a cat I saw?”. Il palindromo racchiuso nell’illustrazione è a dir poco prodigioso, infatti può essere variato molte volte:Was it a rat, I saw? Was it a bat, I saw?

Sebbene l’illustrazione compaia solo in poche edizioni del libro, questo non le ha impedito di diventare un simbolo del mondo onirico e wonderful di Alice.

Che dire? Dal bagno alla matematica, non male 🙂

p.s.: quanto è odiosa questa nuova interfaccia di wordpress??? istinti omicidi mi assalgono…

Immagine