Sacrosanti diritti

Oggi la Marty mi ha postato su faccialibro codesto articolo:

Anche io ieri mattina, durante una concessa colazione al bar con cappuccio e brioche, avevo letto questo articolo. “Sarebbe bello se anche nel mio condominio ci fosse qualcuno che zittisce le lamentele gratuite e inutili nei confronti dei miei bobini…” … Ieri il cosmo mi ha parlato.

Tornata a casa, incontro la Marisa che ha da lamentarsi dei rumori quali musica, tv, eccetera. Beh, è vecchia. Beh, è intollerante. Beh, spero che non abbia un giorno da ridire su di me.

Driiin Driiin è mia madre, rispondo. “L’amministratore ha ricevuto troppe lamentele da parte dei condomini riguardanti i tuoi cani. La situazione è al limite”.

Che fare? Io non aspetto di ricevere altri dispettucci, quale potrebbe essere il prossimo? Il veleno per topi nascosto in uno dei tanti bocconcini succulenti sparsi per il cortile?

Game over. Cià.

Annunci

Integra. Zione.

Due volte l’anno, il cane perde il pelo. Il fenomeno è chiamato muta, e durante questi due periodi il manto peloso ricopre ogni cosa. Insomma, la muta è peggio di una forte nevicata invernale. O di un’invasione di locuste. Beh, adesso non esageriamo.

Vivendo in appartamento, capita che durante la muta dei miei due cani la casa sia uno schifo, pulisco con l’aspirapolvere diverse volte al giorno, e ogni volta che mi è possibile estendo la pulizia all’androne delle scale. Se il cane è mio, i suoi peli sono miei. E se i suoi peli sono miei, anche lo sporco che causano è mio. E i panni sporchi si lavano in casa.

Così, in una pausa dalla costruzione del mio sito web alla preparazione di un piatto dolcissimo di waffel con nutella, mi dedico ai rapporti di vicinato.

Di recente la ragazza che si occupa delle pulizie nel condominio, ha iniziato a lamentarsi dello sporco che io causerei, ovvero è andata a divulgare ai quattro venti (ovvero, le betoneghe del complesso residenziale) lo scoop: io spazzolo i miei cani sull’androne delle scale e non pulisco! OOOOH!!! La notiziona del secolo. La cattiveria dell’anno. La boiata del mese. La cosa più assurda mai sentita.

Ci tengo a precisare che nel condominio specifico nel quale ho la mia umile dimora, soggiornano, oltre ai miei 2 cani, altri 2 cani più altri 3 occasionali. Questo fa salire il numero dei sospettati a 7.

Mi sono chiesta naturalmente come mai il capro espiatorio dovessi essere proprio io, e stamattina l’ho capito. O meglio, l’ho visto. La ragazza delle pulizie a passeggio con l’inquilina che possiede il cane n.3 – piccola specifica: l’inquilina del cane n.3 e la ragazza delle pulizie sono della stessa nazionalità. Come pure è della stessa nazionalità una signora che abita sul mio pianerottolo, la quale è l’unica ad avere il privilegio di un’accurata pulizia anche sotto allo zerbino.

Questo post un po’ per sfogarmi, un po’ per chiedere aiuto a chi ha più dimestichezza su questo genere di cose. Le voci messe in giro sono diverse, dai peli alle feci agli abbai alle impronte sulle scale… tutte voci messe in giro (alle mie spalle) dalla suddetta ragazza delle pulizie. C’è qualcosa che posso fare, di utile e funzionale? Parlare ci ho già provato, ma non funziona evidentemente.