Voglia di viaggiare…

Nel 2013 ho fatto un tale pieno di viaggi che pensavo di non volerne più fare per almeno un anno.

Più che i viaggi in sé, a spossarmi sono state le ore di aereo accumulate e i fusi orari annessi e connessi.

Invece il 2014 è cominciato con un mini-tour del Belgio, in marzo, e adesso che siamo a giugno già bramo una nuova partenza.

Mi è venuta voglia di girare l’Italia, di riscoprirla, di tornare ad amarla… devo dire che buona parte di questo desiderio è scaturito da un bracciale.

tannoia skyline venezia bracciale

Sì, un gioiello, un accessorio, chiamatelo come preferite! Una bellissima skyline di Venezia racchiusa in una banda panoramica da portare sempre con sé. Lo trovo un souvenir poco turistico, raffinato e prezioso (è in argento 925 placcato oro satinato) e proprio per questo mi piace.

Chissà se il produttore (Luciano Tannoia Jewels, azienda tutta nostrana) ha in progetto altri tributi alla nostra bella Penisola!

collezione skyline tannoia gioielli venezia

Annunci

Saldi finiti, stipendio salvato

Le svendite qui al nord sono iniziati da pochissimo, ma la merce in saldo è poca e i prezzi sono allucinanti. Se voglio trovare qualcosa della mia taglia devo accorrere i primi giorni o rischio di non trovare più nulla. Questo è un messaggio per le donne normotaglia: inutile che invidiate noi pali informi per la magrezza, perché NOI ai saldi non troviamo mai la nostra misura!!! E in più, come già detto, siamo PALI INFORMI! Viva le curve, perdinci!

Quest’anno mi sono imposta di evitare i negozi carini low-cost come Zara, H&M e Stradivarius, dai quai di solito esco piena zeppa di shopper colme di magliette & Co. No, quest’anno ho deciso di optare per il cosìddetto “poco ma buono”, dato che ad ogni cambio di stagione mi ritrovo a dare in beneficenza o ai vicini con bimbi in crescita il malloppo di abiti acquistati la stagione precedente (non so la vostra lavatrice, ma la mia mi risucchia le taglie!!!). Per rendere l’idea, quest’anno ho praticamente svuotato l’armadio e mi sono ritrovata con 4 t-shirt (10, se contiamo quelle dei gruppi musicali IMMETTIBILI ma che non darò mai via), 2 abiti estivi, un paio di jeans e un paio di shorts.

Un po’ online, un po’ in negozietti di nicchia, ho fatto il mio shopping folle. Spesa minima, costo da capogiro. Ma cercherò di non pensarci. Anzi, ora che ci penso anche se non dovrei, tutto sommato se considero che queste cose mi dureranno una vita – spero – ho pure risparmiato! Sì, quest’ottica mi sconfinfera assai.

Dunque, nonostante questo non sia un blog di quelli fesciònvictim, stavolta vi cuccate le foto delle mie compere!

bikinilovers_cathkidston_stellaz_coin

Una cuffia per capelli di quelle SERIE (ogni volta mi bagno mezza testa durante la doccia), un beauty capiente e coi pois che rimpiazzano i buchi del mio beauty solito, un paio di ciabattine/infradito che sinceramente speravo fossero più comode. Questi sono gli acquisti che arrivano direttamente dall’UK, shop online di Cath Kidston. Poi, un bikini Bikini Lovers fiorelloso con le peonie (solo adesso scopro che forma hanno), un paio di cerchietti per tenere in ordine i ciuffi della mia chioma leonina, un braccialetto, una collana con un simbolo decisamente massonico, un paio di orecchini con la clip – avendo i lobi sensibbbili ho deciso di non stuzzicarli più con materiali ferracciosi. Ah, per le dame che hanno il mio stesso problema e per i messeri che amano indossare gli orecchini ma non hanno i fori, sappiate che da Stella Z sostituiscono con la clip le chiusure di quasi ogni tipo di orecchino!

 

nicethings,cathkidston

 

Un paio di pantaloncini Souvenir in tessuto svolazzoso e molto spiaggiastyle gialli (il mio colore preferito insieme al blu e al rosa) con decori neri, in alto da sinistra c’è una maglietta/camicetta in seta con una fantasia triangolosa, a seguire una camicetta grigio/tortora a maniche lunghe in cotone (entrambe di Nice Things trovate in un negozietto in centro in una viuzza un po’ imbucata), e infine una maglietta bianca a pois rossi presa dal sopraccitato sito di Cath Kidston.

Nicethings

 

Infine, una sciarpina in cotone di Nice Things in tinta con la camicetta descritta sopra.

Che dire, mi sento molto soddisfatta e un po’ economicamente allegerita, ma devo dire che con la tattica prima-metto-via-i-risparmi-poi-spendo non mi sento in preda all’ansia. Mi restano ancora soldi per il corso di sheepdog (durante il quale posso usare le magliette delle band eheh) e per le emergenze. Ben fatto!

Lagerfeld, fotografia d’haute couture

Il noto stilista Karl Lagerfeld non è solo il portavoce della classica eleganza firmata Chanel, ma anche un grande appassionato di fotografia sin dal 1987, anno in cui inizia a fare foto per una serie di pubblicità e a produrre numerosi servizi fotografici per alcune delle più grandi riviste internazionali di moda.
Uomo di mondo dalla mente colta e creativa, durante suoi viaggi o le sue passeggiate parigine scatta anche fotografie più personali (molte sono state pubblicate in numerosi volumi editi da Steidl). I suoi scatti, che sembrano evocare un passato trés chic e di intramontabile fascino, contengono certamente un valore aggiunto, dato dall’occhio curioso ed attento di Lagerfeld.

(dal mio articolo sul blog del fotografo Maurizio Marcato)

Lagerfeld - Victoria Beckham per Chanel

Lagerfeld – Victoria Beckham per Chanel

Karl Lagerfeld - Selfportrait

Karl Lagerfeld – Selfportrait

Lagerfeld - "Tra Epos e Eros" Calendario Pirelli 2011

Lagerfeld – “Tra Epos e Eros” Calendario Pirelli 2011

 

 

I’m (not) a fashion-symbol!

Stamattina la Eli mi ha suggerito un blog che ho trovato non solo interessante, ben strutturato, ben scritto, ma anche decisamente ispiratore.

La propietaria del blog è una splendida bionda, alta magra, una modella. Ha fatto della moda uno stile di vita, e devo dire che le riesce parecchio bene. Insomma, c’è chi può e chi non può. Io decisamente non posso.

Proprio per questo motivo, ho deciso di dedicare questo post al mio abbigliamento odierno, sperando di essere per tutte le signore/signorine d’ispirazione al fine di optare per un look decisamente migliore.

Stmattina ho deciso di accorciarmi la frangia, che ormai copriva anche il mio famigerato naso. Dunque, capelli bagnati, pettine, forbicine, prendo la mira e zack! Ciuffetti sparsi nel lavandino, frangetta sistemata! Il resto dei capelli li ho raccolti in un piccolo chignon (sempre se si scrive così).

Dato che mi è stato suggerito di vestirmi in modo consono (almeno oggi, aggiungo io) per andare al lavoro, e che non ho intenzione di trovarmi sotto casa Carla ed Enzo, ho optato per la semplicità in stile chanel.

Jeans a sigaretta blu scuro, della Levis. La taglia non ve la dico. 42.

Sotto ai jeans, dato che sono molto freddolosa e se non copro gambee piedi ggggelo, ho posizionato dei collant neri molto coprenti con una fantasia stile lappone: righette oblique rosse, pois bianchi… trasformazione in renna avviata. Comunque li trovato al mercato. O al Coin.

Le scarpe che ho scelto sono ovviamente nere. Modello Francesine, tacco… un attimo che prendo il righello bianco dalla scrivania… un misero 7. Finiture in cuoio e vernice. Le avevo prese 2 o forse 3 anni fa in un discount, a 10 euro. Sono una maga a prendere le cose fuori moda che diventeranno cool di lì a 2/3 anni. Il mio solito tempismo del cavolo!

Passiamo alla parte superiore del mio corpo. Tralasciando il reggiseno – inutile, a dire il vero – e la canottiera (che metto SEMPRE, in stile nonna Abelarda), indosso ora una camiciuola color crema, con due taschine all’altezza del petto. Mi piace molto, soprattutto per il colletto, un girocollo che sembra un fiore! Detta così sembra orrenda, in realtà è della scorsa collezione invernale di Lazzari, quindi è bella per forza! E non si discute.

Sopra alla camicia, porto come capospalla una mantella nera, che tengo chiusa grazie ad una cinturina a doppia treccia, similpelle nera (H&M).

Naturalmente non mancano gli innumerevoli accessori!

Un look non è davvero completo finché non hai messo TUTTI gli accessori.

Collanina con perle e orecchini a fiore con un piccolo swarowky. Più che sufficiente direi.

Bene, ora manca solo il trucco ma lo farò prima di finire la pausa pranzo. Che gnocca che sono!

E complimenti a The Blonde Salad (http://www.theblondesalad.com/). Io sono ragù, potremmo pensare ad un rapporto collaborativo utile e fruttifero 😉