Arriva il giorno in cui

Realizzi che tutto quello che hai è tutto quello che vorresti.

Capisci di essere apprensiva in barba a tutti gli sfottò che hai riservato per anni ai tuoi genitori, e che anzi tu sei peggio di loro, perché la tua apprensione è rivolta al tuo cane.

Capisci che per ottenere quello che si vuole bisogna un po’ lottare e un po’ sottomettersi, ma sempre con impegno e forza di volontà.

Inchiodi l’auto a bordo di un marciapiede perché hai appena trovato, abbandonato da qualcuno che non lo usava più, il mobile che da mesi stavi cercando per la tua cucina. E lo battezzi Battone, perché ora è uno di famiglia.

Ascolti Con il nastro rosa e la trovi incredibilmente bella e rilassante. E l’ascolti di nuovo, e di nuovo, e di nuovo ancora.

Riconosci di aver fatto degli errori, di aver tralasciato troppe cose e troppe persone, di non aver dato loro l’importanza che meritavano, e che ora non torneranno. Più.

Guardi il tuo compagno e ritrovi tutte quelle cose che avevi scordato di aver trovato in lui.

Ti trovi a dover affrontare delle scelte, e sei costretto a fare un salto nel buio, sperando di non aver fatto una cazzata. Ma tanto sai già che l’hai fatta, e pure grossa. Mai saltare nel buio, potrebbe essere un buco nero oppure una piscina profonda 70 metri, che ne sai? Aspetta che sia giorno, e poi buttati, senza pensarci due volte.

Scrivi decine e decine di unsubscribe alle decine di decine di newsletter che ti intasano la casella di posta che non hai mai il tempo di cancellare perché arrivano a milioni ogni secondo, per colpa delle quali tua madre non riesce a recapitarti la sua e-mail, nella quale ti dice che ti vuole bene, perché le torna indietro.

Riguardi una foto che avevi scartato perché brutta, inutile, demmerda e ti chiedi come hai fatto ad essere così idiota. Perché lì, in quello scatto imperfetto, c’è tutto quello che i tuoi occhi vedevano, allora come adesso.

Arriverà quel giorno. Anche per me.

Felpa? no grazie.

Tutte le boiate che si leggono e sentono sull’amore, sul fatto che non ha occhi nè età ma solo cuore, sul fatto di amare una persona per com’è e non per come uno stereotipo la vorrebbe, amare incondizionatamente sapendo di essere allo stesso modo ricambiati… ma facciamola finita, non ci crede nessuno.

Io parlo per quanto riguarda il lato femminile, o almeno per quello che sono riuscita a capire di esso (cioè molto poco).

Tu, donna, che non ti fai problemi a girare per casa in felpa e calzettoni perché ci sono 15° gradi, conscia del fatto che tanto il tuo Lui ti guarderà sempre con gli occhi dell’ammmòre: illusa!

Tu, donna, che al mattino non ti vergogni di mostrarti priva di trucco e parrucco al tuo Lui, conscia del fatto che lui ti ama per come sei, cioè sempre e comunque bellissima: illusa!

Tu, donna, che non ti preoccupi se il tuo Lui si gira per strada a guardare altre gentil donzelle, conscia del fatto che, come dicevo sopra, l’amore non ha occhi, e se li ha, li avrà solo per te: illusa!

Mai abbassare la guardia, donna! L’uomo (inteso come specie) resta pur sempre un animale goloso e avido, e per il quale “anche l’occhio vuole la sua parte”.

p.s.: e poi, secondo te, perché ad ogni ricorrenza ti regala gioielli/profumi/set trucchi/abitini/completini sexy???  ILLUSA!