Il Pelo

Ci ricopriva quasi totalmente, oggi siamo praticamente glabri.

Le donne si radono, e vabbé. Gli uomini pure, e unpomenovabbé.

Rasoi, cerette, epilazioni laser, tinte schiarenti. Ma perché???

Questa gabbia dalla pelle liscia chiamata estate già mi sta rompendo.

 

Pentifex Delirium

Ieri sera sono andata per curiosità a leggere il sito Pontifex e gli articoli su esso pubblicati.

La curiosità mi è venuta dopo essere stata sul twitter omonimo ed essermi sbregata a metà leggendo una miriade di battute simpatiche come questa

pontifex tweeter

Il sito Pontifex però è tutt’altro che allegro e goliardico, ho notato. Leggendolo, mi chiedo come sia possibile che molti cattolici praticanti si meraviglino della gran quantità di persone che smettono di frequentare la vita parrocchiale. Al di là delle idee che possono divergere da persona a persona e dell’arretratezza cronica del Vaticano su alcuni argomenti che ai giorni nostri sono di discussione quotidiana e pubblica, ho potuto leggere sulla testata online un dilagante senso di odio e di razzismo ni confronti del “diverso”, nonché un bigottismo spaventoso.

Ma non erano i musulmani quelli invasati e antidemocratici?

In particolare, due articoli scritti da Volpe mi hanno fatto venire la nausea: qui si parla della violenza (meritata!) sulle donne, mentre qui si scaglia contro i gay, sudicie persone portatrici di odio verso il MITE popolo dei cattolici.

Amen.

 

Free Tibet, una questione extra-asiatica

Bullismo, una parola che ormai è entrata nelle nostre orecchie e che per molti inizia addirittura a suonare come “normale”. Se ne parla in ambito scolastico, lavorativo, religioso, culturale: in qualsiasi modo la si voglia definire, rimane comunque una violenza nei confronti del più debole. Una violazione alla non-violenza altrui.

Oltre alla cronaca odierna, altri fatti ci ricordano che questo comportamento d’intollenza è sempre esistito, recando danni non indifferenti all’umanità.

Ne hanno parlato Gandhi, Martin Luther King, John Lennon: tutti messi a tacere. Chi predica la tolleranza non può essere tollerato.

L’ultimo episodio apparso sulla carta stampata riguarda un giovane Tibetano rifugiato a New Delhi, che durante una protesta anti-occupazione cinese si è dato fuoco provocandosi la morte. Quando la violenza subìta provoca inesorabile disperazione.